CASE VACANZA VENDITE STIAMO CERCANDO

Tiggianoborgo entroterra

cod #479

PALAZZOTTO

pentalocale - mq 265 - piano terra
giardino,terrazzo
€ 173.000
Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile
<
>
Sono un palazzo che sorge nel sorprendente Comune di Tiggiano, una delle realtà più estreme del sud Salento ricca di bellezze e di servizi.
Le origini del mio Comune sono molto antiche e ancora oggi è possibile ammirare ciò che resta di epoche tanto lontane e di culture tanto diverse che hanno lasciato, tra le bellezze disseminate per le strade un posto rilevante è occupato dal Palazzo Serafini che risale alla metà del XVII secolo, quando Angelo Serafini, divenuto feudatario del Casale di Tiggiano nel 1640, ritenne opportuno costruirvi la propria dimora per seguire da vicino le sorti della sua proprietà. Il palazzo custodisce un prezioso giardino dove, in settemila metri quadri di natura nel cuore del borgo, si possono ammirare pini, querce, lecci e profumati cespugli di timo e rosmarino. Tra le antiche architetture religiose spiccano invece la Chiesa di Sant’Ippazio che si trova sin dalla seconda metà del 500 nel centro del paese e la Cappella dell’Assunta sede dell'omonima Confraternita che fu edificata nella metà del XVIII secolo che conserva, tra le numerose bellezze artistiche, un organo a canne settecentesco. Per le strade del mio paese è facile restare incantati col naso all’insù per ammirare gli antichi palazzi e per lasciarsi portare indietro nel tempo in un’atmosfera che scalda il cuore.
Il mio Comune comprende anche un breve tratto del litorale adriatico in cui si trova la cinquecentesca Torre Nasparo (o torre de Lissano) che è un'opera di fortificazione e di difesa della costa adriatica salentina edificata nel 1565 durante la dominazione spagnola.
In questo contesto, in Via 24 Maggio, mi trovo io che sono un palazzo di 265 mq circa che si sviluppa su due livelli. I miei interni sono caratterizzati da tipiche volte a stella che contribuiscono a rendere gli spazi più ampi e spaziosi, dispongo inoltre di garage sempre con volte a stella, di un grazioso giardino e di un’area solare di pertinenza dalla quale è possibile ammirare il territorio circostante.
Sono il “Palazzotto” e rappresento una realtà antica da riscoprire nel cuore Tiggiano.

Chiedi informazioni

Dotazioni


posto auto no
posti letto base
posti letto max
accesso disabili no
bbq
vasca idromassaggio
piscina
doccia esterna
aria condizionata
zanzariere no
lavatrice
lavastoviglie
asciugatrice
microonde no
asciugacapelli no
tv
internet
animali
recinzione animali
fumare in casa no
biancheria cucina no
biancheria letto no
biancheria bagno no

Distanze


spiaggia attrezzata
spiaggia libera
porto turistico
alimentari
bar
ristorante
farmacia
edicola
chiesa
guardia medica
stazione ferrovie locali
stazione FS
fermata autolinee
aeroporto
S.Maria Di Leuca
Otranto
Gallipoli
Lecce
Informazioni

DalAlPrezzo
23 novembre 07 dicembre Non Disponibile
07 dicembre 14 dicembre Non Disponibile
14 dicembre 21 dicembre Non Disponibile
21 dicembre 28 dicembre Non Disponibile
28 dicembre 06 gennaio Non Disponibile
06 gennaio 22 febbraio Non Disponibile
22 febbraio 29 febbraio Non Disponibile
29 febbraio 11 aprile Non Disponibile
11 aprile 18 aprile Non Disponibile
18 aprile 26 aprile Non Disponibile
26 aprile 02 maggio Non Disponibile
02 maggio 30 maggio Non Disponibile
30 maggio 06 giugno Non Disponibile
06 giugno 13 giugno Non Disponibile
13 giugno 20 giugno Non Disponibile
20 giugno 27 giugno Non Disponibile
27 giugno 04 luglio Non Disponibile
04 luglio 11 luglio Non Disponibile
11 luglio 18 luglio Non Disponibile
18 luglio 25 luglio Non Disponibile
25 luglio 01 agosto Non Disponibile
01 agosto 08 agosto Non Disponibile
08 agosto 15 agosto Non Disponibile
15 agosto 22 agosto Non Disponibile
22 agosto 29 agosto Non Disponibile
29 agosto 05 settembre Non Disponibile
05 settembre 12 settembre Non Disponibile
12 settembre 19 settembre Non Disponibile
19 settembre 26 settembre Non Disponibile
26 settembre 03 ottobre Non Disponibile
03 ottobre 31 ottobre Non Disponibile
31 ottobre 07 novembre Non Disponibile
07 novembre 05 dicembre Non Disponibile
05 dicembre 12 dicembre Non Disponibile
12 dicembre 19 dicembre Non Disponibile
19 dicembre 26 dicembre Non Disponibile
26 dicembre 02 gennaio Non Disponibile
02 gennaio 09 gennaio Non Disponibile


Prenotazioni ed Informazioni






Fornendoci maggiori dettagli possibile sulle vostre necessità ci aiuterete a soddisfare al meglio i vostri desideri.
Sarete ricontattati al più presto.

















TIGGIANO

Piccolo centro del sud Salento, Tiggiano fa parte del consorzio Borghi Autentici d’Italia. La sua posizione, alquanto strategica, permette di raggiungere in pochi minuti la litoranea del versante adriatico, in particolare l’affascinante marina di Torre Nasparo da cui dista circa 1,5 chilometri. Si tratta di un luogo isolato e quasi sconosciuto all'interno del parco naturale Otranto-Santa Maria di Leuca-Bosco di Tricase, con una scogliera bassa che facilita l’accesso al mare, sempre fresco e cristallino.

Il nome Tiggiano trae le sue origini dal termine latino “predium Tiggianum”, dove predium indica un possedimento agricolo e Tiggianum, denota il nome di un proprietario fondiario a cui era stato ceduto il territorio in seguito alle guerre di conquista romane.
A motivo di ciò, pare che il paese sia stato fondato proprio da tale centurione romano dopo che gli fu affidato il territorio. In seguito la sua popolazione si estese sino a comprendere alcuni paesi limitrofi tanto che, dal 1200, Tiggiano iniziò ad appartenere al territorio di Alessano. Successivamente, il paese passò sotto la dominazione normanna, poi quella spagnola e poi in mano a diverse famiglie feudatarie, quali gli Arcella, gli Orsini del Balzo, i Gonzaga, i Brayda, i Trane, i Gallone, i Serafini-Sauli, fino a quando nel 1926 la discendenza maschile di questi ultimi si estinse.

Tiggiano conserva oggi le sue tradizioni contadine su cui si è basata sempre l’economia del paese; a livello architettonico, il paese presenta numerose opere che simboleggiano le diverse presenze sul territorio. Da visitare sicuramente, oltre alle bellissime chiese, è il palazzo Baronale costruito intorno al 1650 dalla famiglia Serafini. Dal giardino retrostante si accede al bosco; un vero e proprio museo di macchia mediterranea, ricco di alberi imponenti come pini, querce e lecci che custodiscono un tipico sottobosco, vivacizzato dagli odori caratteristici del timo, della salvia, della menta e del profumato rosmarino. Famose sono le "neviere" (cisterne scavate nella roccia utilizzate per nascondere cibi e acqua dai predatori), dimostrazione della presenza di un popolo lavoratore e in gran parte anche artigiano.

Due rinomati eventi si susseguono di anno in anno nel territorio tiggianese: la festa patronale di Sant’Ippazio durante la quale, oltre al rito religioso, si svolge anche la ricercatissima fiera di animali e di prodotti per l’agricoltura, e la sagra delle 4 pignate, così chiamata perché riproduce piatti tipici della cucina salentina cotti attraverso recipienti di terracotta (le pignate appunto). Quest’ultimi sono molto utilizzati nella cultura del basso Salento, soprattutto per cuocere legumi, cereali e minestre tipicamente al fuoco. Un prodotto esclusivo del territorio è la “pestanaca”, un particolare tipo di carota dal colore giallo-violetto che si trova solo a Tiggiano e in alcuni paesi limitrofi.

Il popolo tiggianese è definito ironicamente de “do facce”, perché sullo stemma civico del paese vi è il Dio Giano, il dio romano degli Inizi, rappresentato con due facce a indicare i giorni che passano e quelli che arrivano.




#479