CASE VACANZA AFFITTI VENDITE STIAMO CERCANDO

Santa Maria di LeucaCosta Est

cod #624

Liama a Foresta Forte

un vano - mq 16
€ 40.000
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine
Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile


Sono un terreno che sorge tra Gagliano del Capo e Santa Maria di Leuca, angolo di paradiso che rappresenta la punta del tacco che segna la fine dell’Italia e l’incontro del Mar Ionio col Mar Adriatico.
Mi trovo tra due realtà molto diverse ma altrettanto affascinanti, Gagliano offre un antico centro storico, delle strade ricche di bellezze artistiche e storiche che si intrecciano tra di loro formando uno dei borghi più belli e caratteristici della zona. Il cuore antico è intriso di storia ed è legato alle vicende dei feudatari che vi abitarono e che lasciarono come traccia del loro passaggio le mura fortificate e il castello. Qui si alternano piccole case e imponenti palazzi, fra cui il palazzo Daniele che è stato costruito durante l’unità d’Italia. Dal borgo la vista spazia sulla vastità del mar Adriatico, nelle giornate di bel tempo la vista può addirittura scorgere le coste della Grecia e dell’Albania.
La vista cambia del tutto a Santa Maria di Leuca, splendida marina che offre colori brillanti e scogliere mozzafiato. L’aria che qui si respira, oltre ad essere intrisa di brezza marina, di profumi e colori di questa terra, è anche densa di storia. Da qui, infatti, nel corso dei secoli sono passati diversi popoli che hanno lasciato traccia nelle bellissime ville dell’Ottocento e addirittura nelle grotte. Simbolo indiscusso di Leuca è il suo faro che dal 1876 simboleggia il punto in cui la terra finisce e si distende sul mare.
Così, tra queste due realtà tanto affascinanti mi trovo io che sono un terreno di 1760 mq circa che dispone di una liama di 16 mq circa. La vista da qui è meravigliosa ed è caratterizzata dal verde degli ulivi e dal rosso della terra.
Sono il terreno “Liama a foresta forte” e mi trovo immerso nel verde, tra il borgo e il mare.


Chiedi informazioni

Posizione


Localizzazione

ComuneGagliano del Capo
FrazioneSanta Maria di Leuca
Località

Distanze

costa est0.75 km
costa ovest3.4 km
centro storico4.1 km

Esposizione

Sudno
Estno
OvestSi
Nordno

Caratteristiche Generali



categoriaCasale \ Pajara \ Liama
anno costruzione0
garageNo
stato strutturaDa Restaurare
piano
classe energeticaG

Caratteristiche Interne



volte tradizionaliSi
caminono
n° bagni0
superficie interna16 mq
n° camere0
n° vani1

Caratteristiche Esterne



Livellopianeggiante
piscinano
poss. piscinano
giardinoPrivato
superificie giardino0 mq
terrazzi mq
portici0 mq
veranda0 mq
area solareSi

Peculiarità



poss. ampliamentono

Prenotazioni ed Informazioni






Fornendoci maggiori dettagli possibile sulle vostre necessità ci aiuterete a soddisfare al meglio i vostri desideri.
Sarete ricontattati al più presto.

















immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine
Nel lembo di terra più meridionale del Salento, tra i due mari, ampie campagne e caratteristici borghi sorgo io che sono la marina di Santa Maria di Leuca, una realtà magica che fa parte del Comune di Castrignano del Capo.
Qui scenari naturali incontrano monumenti che sono di una bellezza disarmante come il mio Santuario o le cascate monumentali. Il Santuario Basilica della Madonna “de Finibus Terrae” è fondamentale per il suo valore storico e religioso, esso è stato eletto a Basilica minore nel 1990 ed è tutt’oggi meta di pellegrini provenienti da ogni parte del mondo. Al suo interno è custodito un grosso masso monolitico, l’Ara a Minerva, che rimanda all’antico culto della Dea, mentre all’esterno nel piazzale si può ammirare la colonna Mariana che risale al 1694 e che accoglie sulla sommità una statua della Madonna. Dall’esterno del santuario è possibile godere di una vista panoramica sul porto turistico, sul lungomare e sulla cascata monumentale che con la sua struttura e le sue luci crea un’atmosfera suggestiva. La cascata è stata terminata nel 1939 e alla fine dell’imponente scalinata accoglie una colonna romana monolitica, fatta portare da Benito Mussolini
Tra le mie strade e ai lati del lungomare sorgono imponenti ville e palazzi che rappresentano piccoli capolavori della creatività dell'uomo come la Villa Daniele, Villa Episcopo, La Meridiana, Mellacqua, Villa De Francesco. La maggior parte risale alla fine dell’800 e ognuna custodisce un’essenza propria che la rende unica per la particolarità e lo stile.
Di fronte alle ville nel mare sono facilmente riconoscibili le tipiche “bagnarole”, piccole strutture in pietra o in muratura, che servivano per consentire alle signore di fare il bagno senza essere viste e di essere riparate dal sole per conservare una pelle candida simbolo di nobiltà.
A dominare questi scenari è però il mio faro, alto ben 102 metri e costruito nel 1864, esso è fra i più importanti d’Italia ed ha rappresentato un fondamentale punto di riferimento per migliaia di marinai nella storia.
Caratteristiche della mia costa sono anche le numerose grotte che si trovano a distanza anche di pochi metri l’una dall’altra, ognuna con una propria storia ed un proprio nome. Quest’ultime costeggiano tutto il litorale e talvolta sono ricche di reperti neolitici (ossa lavorate, ceramiche grossolane) come la grotta del "Diavolo" o di iscrizioni greche e latine come la grotta "Porcinara", le due grotte sono entrambe visitabili via terra mentre per mare è possibile ammirarne altre come la grotta "Cazzafri", formata da 2 cavità profonde trenta metri, la grotta del "Fiume" profonda trenta metri la grotta del "Morigio" situata ai piedi della cascata monumentale e la grotta Delle Tre Porte che è tra le più conosciute grazie ai suoi tre ingressi che si uniscono in un'unica cavità che regala un’atmosfera suggestiva. Tra queste suggestive grotte va menzionata anche la grotta del Soffio il quale nome deriva da un fenomeno che avviene al suo interno che spinge l’aria che spinge l’aria dalla sua cavità verso l’esterno con violenza, producendo spruzzi o soffi.
Tra le meraviglie naturale del mio territorio rientra anche la famosa Punta Ristola che è l’ultimo e il più estremo lembo di terra che delimita il territorio salentino. Essa è una piccola sporgenza rocciosa che offre un ottimo punto di ritrovo per turisti e bagnanti aprendosi sui due mari.




#624