CASE VACANZA VENDITE STIAMO CERCANDO

S.Maria di Leucacosta roccia alta

cod #827

AL FARO

oltre - mq 4000 - piano terra
giardino
€ 30.000
Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile
<
>
Sono un terreno situato nell’estremità meridionale del Salento, a pochi metri dal punto in cui l’Italia finisce e il mar Adriatico e il Mar Ionio si incontrano, sorgo infatti A Santa Maria di Leuca, sulla litoranea che mi collega ad un altro punto magnifico della zona: il Ciolo.
Affascinato da queste realtà mi trovo a pochi metri dal faro di Leuca, uno dei suoi simboli che ha rappresentato un punto di riferimento internazionale per mille e mille navigatori che si sono orientati e continuano ad orientarsi grazie ad esso. Il faro di Leuca si erge fino a 47 mt dal suolo e a 102 mt dal livello del mare e offre la possibilità di salire fin sul terrazzo circolare. Spesso accade che, dal faro, nei giorni particolarmente limpidi si possano vedere Corfù e i monti Acrocerauni. Esso sorge nel punto in cui i due mari si incontrano e crea un’atmosfera magica a pochi metri dalla basilica Santuario di Santa Maria Finibus Terrae, la chiesa di Leuca che è sorta agli arbori del Cristianesimo sulle rovine di un tempio pagano e che oggi rappresenta un rinomato luogo di culto e di preghiera.
La zona in cui mi trovo è conosciuta anche con il nome di finbusterrae per via della sua posizione estrema tra terra e mare che dona a tutta la zona un’atmosfera caratteristica e insolita. Nel corso della storia il mio paese ricco di bellezze della natura ma anche di monumenti costruiti dall’uomo è stato fonte di ispirazione per artisti di ogni genere, uno tra tutti il pittore Vincenzo Ciardo che nelle sue tele amava rappresentare gli ulivi e i muretti a secco e i paesaggi di cui faccio anch’io parte.
Ma se invece di guardare verso Leuca sposto lo sguardo dalla parte opposta posso ammirare il Ciolo, un’alta insenatura rocciosa nella quale vi sono anche alcune grotte marine di notevole interesse storico e paesaggistico. Questa località offre un ampio panorama di alta roccia e di bellissimo mare verde-azzurro ammirabile sia dall’alto del ponte, sia dal basso attraverso una scalinata che conduce alla base dell’insenatura. La località Ciolo è ricca di bellezze naturali e non solo, molto importanti sono anche le grotte e i sentieri che si snodano a pochi metri dal mare e che permettono di fare un passo indietro nella storia e di ammirare antichi ritrovamenti. Da qui, infatti, nel corso dei secoli sono passati diversi popoli che hanno lasciato traccia addirittura nelle grotte. Il mio paese ne conta diverse, alcune facilmente scopribili anche solo percorrendo ameni sentierini o sopraggiungendo via mare.
Immerso tra queste zone meravigliose, nella zona panoramica sulla litoranea che collega tra loro posti altrettanto belli e suggestivi si trova il mio terreno che si estende per 4.000 mq circa e che oltre ad essere caratterizzato da una ricca vegetazione e da ulivi salentini, ospita un’antica pajara, tipica costruzione rurale del Salento. La mia posizione mi collega a paesaggi mozzafiato e a borghi altrettanto caratteristici.
Sono il terreno “Al Faro” e vivo in bilico tra la terra e un meraviglioso mare, sorvegliato dal maestoso faro di Leuca.

Chiedi informazioni

Dotazioni


posto auto no
posti letto base
posti letto max
accesso disabili no
bbq
vasca idromassaggio
piscina
doccia esterna
aria condizionata
zanzariere no
lavatrice
lavastoviglie
asciugatrice
microonde no
asciugacapelli no
tv
internet
animali
recinzione animali
fumare in casa no
biancheria cucina no
biancheria letto no
biancheria bagno no

Distanze


spiaggia attrezzata
spiaggia libera
porto turistico
alimentari
bar
ristorante
farmacia
edicola
chiesa
guardia medica
stazione ferrovie locali
stazione FS
fermata autolinee
aeroporto
S.Maria Di Leuca
Otranto
Gallipoli
Lecce
Informazioni

DalAlPrezzo
31 ottobre 07 novembre Non Disponibile
07 novembre 05 dicembre Non Disponibile
05 dicembre 12 dicembre Non Disponibile
12 dicembre 19 dicembre Non Disponibile
19 dicembre 26 dicembre Non Disponibile
26 dicembre 02 gennaio Non Disponibile
02 gennaio 09 gennaio Non Disponibile
09 gennaio 13 febbraio Non Disponibile
13 febbraio 20 febbraio Non Disponibile
20 febbraio 03 aprile Non Disponibile
03 aprile 10 aprile Non Disponibile
10 aprile 24 aprile Non Disponibile
24 aprile 01 maggio Non Disponibile
01 maggio 29 maggio Non Disponibile
29 maggio 05 giugno Non Disponibile
05 giugno 12 giugno Non Disponibile
12 giugno 19 giugno Non Disponibile
19 giugno 26 giugno Non Disponibile
26 giugno 03 luglio Non Disponibile
03 luglio 10 luglio Non Disponibile
10 luglio 17 luglio Non Disponibile
17 luglio 24 luglio Non Disponibile
24 luglio 31 luglio Non Disponibile
31 luglio 07 agosto Non Disponibile
07 agosto 14 agosto Non Disponibile
14 agosto 21 agosto Non Disponibile
21 agosto 28 agosto Non Disponibile
28 agosto 04 settembre Non Disponibile
04 settembre 11 settembre Non Disponibile
11 settembre 18 settembre Non Disponibile
18 settembre 25 settembre Non Disponibile
25 settembre 02 ottobre Non Disponibile
02 ottobre 30 ottobre Non Disponibile
30 ottobre 06 novembre Non Disponibile
06 novembre 04 dicembre Non Disponibile
04 dicembre 11 dicembre Non Disponibile
11 dicembre 18 dicembre Non Disponibile
18 dicembre 25 dicembre Non Disponibile
25 dicembre 01 gennaio Non Disponibile
01 gennaio 07 gennaio Non Disponibile


Prenotazioni ed Informazioni






Fornendoci maggiori dettagli possibile sulle vostre necessità ci aiuterete a soddisfare al meglio i vostri desideri.
Sarete ricontattati al più presto.

















SANTA MARIA DI LEUCA

Santa Maria di Leuca, o meglio conosciuta come De Finibus Terrae, è un’elegante località di mare dove la terra finisce e, allo stesso tempo, un paesaggio meraviglioso inizia, tra l’immensità dei due mari, Ionico e Adriatico, e l’imponenza delle rocce che circondano il territorio.
Leuca fa parte del comune di Castrignano del Capo, insieme alle altre frazioni di Giuliano di Lecce, Salignano e le marine di Felloniche e della località Ciardo, ma se ne distingue notevolmente per morfologia e fascino.

Il nome ha un’origine greca, da “leukós” che significa “bianco”; studiosi greci infatti usavano denominare con questo termine una serie di promontori dal colore bianco appunto e, nello specifico, a Leuca intendevano simboleggiare le chiare rocce che cadevano perpendicolari sul mare. Molti ritengono invece che tale nome sia dovuto o al colore delle case che apparivano sempre chiare in quanto riflettevano la luce del sole, oppure alla schiuma delle onde che si formava sbattendo sulle rocce.
Le origini del paese sono antiche e in gran parte sconosciute, ma dati storici narrano sicuramente che il territorio fu punto di approdo di San Pietro durante il suo viaggio di evangelizzazione verso Roma e da quel momento l’allora tempio dedicato alla dea Minerva divenne un luogo di culto cristiano, oggi conosciuto come il Santuario di Santa Maria di Leuca, posizionato nelle vicinanze di Punta Meliso dove si erge l’imponente faro alto 47 metri. Non mancano inoltre storie leggendarie sull’origine del paese, che legano il nome alla bellissima sirena Leucàsia, la quale per un atto di vendetta d’amore portò alla morte di due giovani del posto (Melìsso e Arìstula), i cui corpi furono pietrificati tra le rocce di punta Meliso e punta Ristola. Leucàsia, addolorata dal rimorso si pietrificò tra le rocce bianche, esattamente a metà tra la zona Meliso e la zona, punto dove sorge il centro del paese e da qui il nome.

Punta Ristola risulta essere il punto più a sud della penisola salentina in grado di regalare emozioni visive uniche e speciali. Al di sotto di Punta Ristola, vi sono due delle numerose grotte naturali e mozzafiato che contornano la zona e che è possibile visitare via mare, Grotta del Diavolo e Grotta Porcinara.

Leuca non è solo bellezza naturale, ma anche arte e cultura. Parecchie sono infatti le ville e i palazzi antichi che ornano il paese. Le ville risalgono quasi tutte al XIX secolo e ognuna di esse aveva due ampi giardini, antistanti e retrostanti, un pozzo e una chiesa di famiglia. Durante la II guerra mondiale però molte di esse furono distrutte o mutilate di componenti fondamentali per la costruzione di armi oppure adibite a centro di accoglienza per gli sfollati. Oggi, vengono nuovamente rivendicate e aperte al pubblico durante la manifestazione culturale di “Ville in Festa”, che ha luogo nel mese di Maggio.

Nonostante sia una località marittima, Leuca è un paese vissuto anche d’inverno con numerosi eventi che segnano costantemente la sua vivacità. La cascata monumentale per esempio, situata al di sotto del faro, viene accesa durante alcune domeniche specifiche di ogni mese, accompagnata da un’illuminazione artistica molto suggestiva. Il lungomare Cristoforo Colombo rimane inoltre un luogo di passeggio per eccellenza, dove si è cullati dal profumo e dai colori del mare. Aperta tutto l’anno è anche la chiesa di Cristo Re, nel cuore del paese, e a pochi metri dal mare.




#827