CASE VACANZA AFFITTI VENDITE STIAMO CERCANDO

PatùCampagna

cod #577

Albero ritorto

mq 5200
€ 35.000
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine
Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile

POSIZIONE
Il terreno si trova a Patù nella zona molto richiesta di Pozzo Volito un luogo che ti trasporta in altre epoche fatte di tradizioni, pietre e natura a perdita d'occhio, dove si può vedere l'operato dell'uomo che non ha intaccato il paesaggio circostante e non fa altro che arricchire di storia questi luoghi.

DESCRIZIONE
Il terreno si divide in due fasce da 2600 mq circa l'una. Sulla prima fascia è presente una pajara con una cisterna scavata nella pietra mentre sulla seconda è presente un'altra pajara con un antico parmento, vasca larga e piatta che veniva utilizzata per la pigiatura dell'uva e la fermentazione del mosto, realizzato sotto terra.

PRO/CONTRO
La posizione permette di godere della privacy e quiete che si cerca in campagna inoltre dal terreno si può vedere il canale di Volito luogo suggestivo che può essere visitato a piedi grazie al sentiero veretum che lo attraversa. I servizi principali del paese distano dalla proprietà circa 1,5 km.


Chiedi informazioni

Posizione


Localizzazione

ComunePatù
Frazione
Località

Distanze

costa est0 km
costa ovest3.2 km
centro storico3.1 km

Esposizione

Sudno
Estno
OvestSi
Nordno

Caratteristiche Generali



categoriaTerreno Agricolo
anno costruzione0
garage
stato strutturaStorico
piano
classe energeticaEsente

Caratteristiche Interne



volte tradizionalino
caminono
n° bagni0
superficie interna5200 mq
n° camere0
n° vani0

Caratteristiche Esterne



Livellopianeggiante
piscinano
poss. piscinano
giardino
superificie giardino0 mq
terrazzi mq
portici0 mq
veranda0 mq
area solareno

Peculiarità



poss. ampliamentono

Prenotazioni ed Informazioni






Fornendoci maggiori dettagli possibile sulle vostre necessità ci aiuterete a soddisfare al meglio i vostri desideri.
Sarete ricontattati al più presto.

















immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine
Sono il Comune di Patù e mi trovo nell’estremo sud del Capo di Leuca, a pochi passi dal mare, immerso in una terra misteriosa che nasconde molti tesori che cercherò di svelarvi attraverso il racconto della mia storia. Nel mio territorio rientrano le splendide Marine di San Gregorio e di Felloniche, posti incantevoli caratterizzati da acque cristalline.
L’origine del mio nome ha radici lontane, la tradizione lo collega al termine greco pathos che ricorderebbe le sofferenze della città di Vereto che sorgeva nel mio territorio e dalla cui distruzione ad opera dei saraceni deriva la nascita del paese; secondo altre ipotesi invece, essendo stato in passato anche un granaio per i veretini presi il nome del custode Verduro Pato, modificato poi, per influenza della dominazione francese, da Pato a Patù.
Sono un territorio ricco di storia e di tesori risalenti a diverse epoche, la fondazione del mio piccolo centro risale al 924 d.C. ad opera dei profughi della vicina Vereto. Dalle rovine del centro messapico ebbe origine il mio agglomerato urbano.
Nei secoli seguenti il mio territorio fu anche sede di grandi feudatari, come i Sambiasi, i Capece, la Curia Vescovile di Alessano e infine i Granafei. Tra le mie strade si possono ammirare bellezze di tempi passati che sono gelosamente custodite dal mio territorio come l’antico Castello che si trova nel centro storico e che risale alla prima metà del 1400 ed era originariamente costituito da quattro torrioni angolari uniti da mura che erano circondate da un fossato in parte interrato, in parte convertito in giardino. Un monumento molto importante è il Centopietre, monumento funerario dichiarato Monumento nazionale di seconda classe nel 1873. La datazione lo colloca nel IX secolo quando fu edificato come mausoleo sepolcrale del cavaliere Geminiano. Esso è costruito con cento grossi blocchi di pietra squadrati provenienti dalle rovine dell'antica città di Vereto. Un altro edificio che impreziosisce il mio centro è Palazzo Romano, fatto costruire dall’omonima famiglia in puro stile neoclassico con la duplice funzione di abitazione per la numerosa famiglia e di simbolo di potere e ricchezza.
Diverse sono poi le architetture religiose che testimoniano la sacralità di alcuni miei luoghi come la Chiesa madre di San Michele Arcangelo eretta nel 1564 e il campanile a pianta quadrata che accoglie cinque campane di cui la più antica risale al 1752.
Diversa è la struttura architettonica della chiesa di San Giovanni Battista che si ispira ad uno stile romanico-bizantino. Questo monumento è stato edificato tra il X e l'XI secolo con lastroni provenienti da edifici dell'antica città di Vereto e custodisce degli antichi affreschi come quello di San Giovanni Battista.
Particolare è la storia della Chiesa della Madonna di Vereto, tutti gli studiosi concordano infatti sul fatto che il sito sul quale essa sorge fosse il centro della città di Vereto. La chiesa fu edificata agli inizi del XVII secolo e sorge nel punto più alto della Serra di Vereto corrispondente all'acropoli della città messapica. La chiesa è meta di pellegrinaggio in occasione dei festeggiamenti Mariani all’alba di ferragosto e, secondo alcuni, è stata fonte di ispirazione per alcune delle composizioni di Vinicio Capossela, che da Patù ha ottenuto la cittadinanza onoraria.
La mia marina di San Gregorio un tempo costituiva l'antico porto del centro messapico di Vereto come testimoniato dai resti ancora visibili e tra questi la torre di San Gregorio consacrata a San Gregorio Magno ultimo fra i quattro grandi dottori antichi d’Occidente.




#577