CASE VACANZA AFFITTI VENDITE STIAMO CERCANDO

Santa Maria di LeucaCampagna

cod #836

Antica masseria

8 vani - mq 270
€ 160.000
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine
Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile

Sono un terreno che custodisce un’antica masseria e che sorge in un luogo che fa da confine tra storia e mare, in uno dei paesi storicamente e culturalmente più importanti dell’entroterra salentino. M i trovo a Gagliano del Capo, splendido paese del sud Salento, luogo in cui si può godere di scorci mozzafiato e ci si può immergere tra la natura tipica della macchia mediterranea.
Il mio Comune grazie alle sue bellezze dal 2006 fa parte del Parco Costa Otranto – Santa Maria di Leuca e Bosco di Tricase, voluto dalla Regione Puglia per salvaguardare la costa orientale del Salento così ricca di pregiati beni architettonici e di importanti specie animali e vegetali. Tra le vie di Gagliano del Capo si respirano storia e tradizioni grazie ai tipici scenari che la zona offre e grazie soprattutto alle ricchezze culturali e architettoniche che il paese insieme alle sue frazioni Arigliano e San Dana offre.
Nel centro storico è facile restare incantati da graziose stradine che si intrecciano e che formano una rete colma di meravigliosi vicoli e palazzi, tra questi lo storico Palazzo Bitonto. Sotto questa rete di abitazioni e antichi palazzi del borgo è nascosta inoltre una rete di frantoi ipogei, risorsa fondamentale nei tempi passati per l’economia dei contadini del paese. Ma Gagliano custodisce anche splendide architetture religiose che maestose spuntano in diversi punti del paese, tra queste ci sono alcuni centri di culto molto significativi per la comunità, tra i quali spiccano la Cappella delle Grazie, la Cappella dei Santi Medici e la Chiesa di San Rocco risalente al XV secolo e poi elevata a Matrice che conserva la rifinitissima statua in legno di San Rocco ma anche tracce di riti molto antichi come il culto greco di San Nicola richiamato da una statua in bassorilievo del santo.
A pochi chilometri da me si trovano anche altri scenari, alcuni simili al mio borgo così ricco di storia e arte, altri inediti. Non potrei non citare Santa Maria di Leuca, stupenda località che si trova a pochissimi chilometri da me. Qui, l’Adriatico e lo Ionio, si uniscono in un abbraccio struggente e si infrangono su coste dove la natura ha sapientemente costruito approdi e grotte. Natura e mare si intrecciano in una danza continua, ma il cuore del borgo è anche nella fede che esso rappresenta: a Santa Maria di Leuca, infatti, da sempre giungono i pellegrini diretti al Santuario della Madonna de Finibus Terrae, “ai confini della terra”, ultimo lembo di terra prima del mare.
Oltre a questi scenari la mia terra offre anche distese di verde che rimandato a tempi passati e incontaminati fatti da scenari che l’artista Vincenzo Ciardo amava rappresentare nelle sue tele. Di queste distese di ulivi e di terra rossa faccio parte anch’io che sono un terreno di 14.500 mq circa che comprende un’antica masseria di ben otto vani di 270 mq circa. Il mio rustico casale è circondato da una natura rigogliosa che sconfina in verdi prati, che mi dona un’atmosfera di pace e di raccoglimento ma non solo, trovandomi sulla strada statale 275 sono facilmente collegato alle località più vive e attive del basso Salento.
Sono il terreno con casale “Antica masseria” e vivo le mie giornate nella tranquillità che la natura circostante mi offre ma consapevole della bellezza che a pochi metri mi circonda.


Chiedi informazioni

Posizione


Localizzazione

ComuneGagliano del Capo
FrazioneSanta Maria di Leuca
Località

Distanze

costa est3.7 km
costa ovest3.8 km
centro storico3.8 km

Esposizione

SudSi
EstSi
Ovestno
Nordno

Caratteristiche Generali



categoriaCasale \ Pajara \ Liama
anno costruzione0
garagePostoAuto
stato strutturaDa Ristrutturare
piano
classe energeticaG

Caratteristiche Interne



volte tradizionaliSi
caminoSi
n° bagni0
superficie interna270 mq
n° camere0
n° vani8

Caratteristiche Esterne



Livellopianeggiante
piscinano
poss. piscinano
giardinoPrivato
superificie giardino0 mq
terrazzi mq
portici0 mq
veranda0 mq
area solareSi

Peculiarità



Investimento
poss. ampliamentono

Prenotazioni ed Informazioni






Fornendoci maggiori dettagli possibile sulle vostre necessità ci aiuterete a soddisfare al meglio i vostri desideri.
Sarete ricontattati al più presto.

















immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine
Nel lembo di terra più meridionale del Salento, tra i due mari, ampie campagne e caratteristici borghi sorgo io che sono la marina di Santa Maria di Leuca, una realtà magica che fa parte del Comune di Castrignano del Capo.
Qui scenari naturali incontrano monumenti che sono di una bellezza disarmante come il mio Santuario o le cascate monumentali. Il Santuario Basilica della Madonna “de Finibus Terrae” è fondamentale per il suo valore storico e religioso, esso è stato eletto a Basilica minore nel 1990 ed è tutt’oggi meta di pellegrini provenienti da ogni parte del mondo. Al suo interno è custodito un grosso masso monolitico, l’Ara a Minerva, che rimanda all’antico culto della Dea, mentre all’esterno nel piazzale si può ammirare la colonna Mariana che risale al 1694 e che accoglie sulla sommità una statua della Madonna. Dall’esterno del santuario è possibile godere di una vista panoramica sul porto turistico, sul lungomare e sulla cascata monumentale che con la sua struttura e le sue luci crea un’atmosfera suggestiva. La cascata è stata terminata nel 1939 e alla fine dell’imponente scalinata accoglie una colonna romana monolitica, fatta portare da Benito Mussolini
Tra le mie strade e ai lati del lungomare sorgono imponenti ville e palazzi che rappresentano piccoli capolavori della creatività dell'uomo come la Villa Daniele, Villa Episcopo, La Meridiana, Mellacqua, Villa De Francesco. La maggior parte risale alla fine dell’800 e ognuna custodisce un’essenza propria che la rende unica per la particolarità e lo stile.
Di fronte alle ville nel mare sono facilmente riconoscibili le tipiche “bagnarole”, piccole strutture in pietra o in muratura, che servivano per consentire alle signore di fare il bagno senza essere viste e di essere riparate dal sole per conservare una pelle candida simbolo di nobiltà.
A dominare questi scenari è però il mio faro, alto ben 102 metri e costruito nel 1864, esso è fra i più importanti d’Italia ed ha rappresentato un fondamentale punto di riferimento per migliaia di marinai nella storia.
Caratteristiche della mia costa sono anche le numerose grotte che si trovano a distanza anche di pochi metri l’una dall’altra, ognuna con una propria storia ed un proprio nome. Quest’ultime costeggiano tutto il litorale e talvolta sono ricche di reperti neolitici (ossa lavorate, ceramiche grossolane) come la grotta del "Diavolo" o di iscrizioni greche e latine come la grotta "Porcinara", le due grotte sono entrambe visitabili via terra mentre per mare è possibile ammirarne altre come la grotta "Cazzafri", formata da 2 cavità profonde trenta metri, la grotta del "Fiume" profonda trenta metri la grotta del "Morigio" situata ai piedi della cascata monumentale e la grotta Delle Tre Porte che è tra le più conosciute grazie ai suoi tre ingressi che si uniscono in un'unica cavità che regala un’atmosfera suggestiva. Tra queste suggestive grotte va menzionata anche la grotta del Soffio il quale nome deriva da un fenomeno che avviene al suo interno che spinge l’aria che spinge l’aria dalla sua cavità verso l’esterno con violenza, producendo spruzzi o soffi.
Tra le meraviglie naturale del mio territorio rientra anche la famosa Punta Ristola che è l’ultimo e il più estremo lembo di terra che delimita il territorio salentino. Essa è una piccola sporgenza rocciosa che offre un ottimo punto di ritrovo per turisti e bagnanti aprendosi sui due mari.




#836