CASE VACANZA VENDITE STIAMO CERCANDO

Gagliano del Capoborgo entroterra

cod #768

CAMELIA

quadrilocale - mq 90 - piano terra
terrazzo
€ 41.000
Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile
<
>
POSIZIONE
Il trilocale Camelia sorge in un contesto immerso nel cuore e nella storia di Gagliano del Capo, paese di circa 5000 anime che si trova nell'estremo lembo di terra del sud Salento. La casa si trova all'interno del suo centro storico, nelle strade che tra di loro si intrecciano formando uno dei borghi più belli e caratteristici della zona. Dal borgo di Gagliano la vista spazia sulla vastità del mar Adriatico e sui suoi coloro vivi e intensi, nelle giornate di bel tempo la vista può addirittura scorgere le coste della Grecia e dell’Albania.
A pochi km dal centro storico si trova la famosa località Ciolo, nota per il suo fiordo, alta insenatura rocciosa, e per le sue grotte marine di grande interesse paesaggistico appartenente al Comune di Gagliano del Capo che dal 2006 fa parte del “Parco Costa Otranto – Santa Maria di Leuca e Bosco di Tricase” voluto dalla regione Puglia.
Gagliano però non è solo natura e mare: ha anche un cuore antico, intriso di storia, legato alle vicende dei feudatari che vi abitarono e che lasciarono come traccia del loro passaggio le mura fortificate e il castello. Nel suo centro storico si alternano piccole case e imponenti palazzi, fra cui il palazzo Daniele che è stato costruito durante l’unità d’Italia e che ha costituito la dimora di ben quattro generazioni; l’ultimo erede Francesco Petrucci lo ha trasformato in una casa d’arte che ha ospitato artisti di tutto il mondo.
Sotto alla rete di abitazioni e antichi palazzi del borgo è nascosta inoltre una rete di frantoi ipogei, molti dei quali comunicanti: una città sotto la città che conserva il ricordo delle antiche tradizioni.
Il trilocale Camelia sorge nel paese conosciuto in tutto il mondo come la patria dell’artista Vincenzo Ciardo che nelle sue incantevoli tele amava raffigurare le campagne, gli ulivi e le scene quotidiane del suo paese immerso nella natura e nella storia.
Valore aggiuntivo della posizione della casa è la sua vicinanza a centri di culto molto significativi per la comunità, quali la Cappella delle Grazie, la Cappella dei Santi Medici e la Chiesa di San Rocco risalente al XV secolo e poi elevata a Matrice, che conserva la rifinitissima statua in legno di San Rocco ma anche tracce di riti molto antichi come il culto greco di San Nicola richiamato da una statua in bassorilievo del santo.
Località di spicco vicina al cuore di Gagliano del Capo e visibile dalle alture del suo borgo è, inoltre, Santa Maria di Leuca, la punta del tacco che in uno scenario quasi magico segna la fine dell’Italia e l’incontro del Mar Ionio col Mar Adriatico.

DESCRIZIONE
La casa nel Borgo di Gagliano del Capo si trova in via XXIV MAGGIO, copre una superficie di 90 mq circa e si articola in due livelli caratterizzati dalle tipiche volte a stella.
Il piano terra di 50 mq circa si suddivide in una confortevole cucina, un soggiorno, una camera ed un bagno. Una scala interna conduce al primo piano dove si trovano due camere di cui una con un balconcino, un bagno e l’accesso alle terrazze di pertinenza che offrono una suggestiva vista mare.

PRO/CONTRO
La posizione centralissima della casa permette di essere facilmente collegati con i punti principali del paese. Il balcone e le terrazze del trilocale offrono una suggestiva vista sul panorama circostante, sul centro del paese, sulle distese di ulivi secolari e sul Mar Adriatico.
Il contesto in cui sorge l’abitazione è ricco di storia, cultura e arte ed è un punto strategico che permette di avere a portata di mano le bellezze di un borgo antico, le verdi distese delle campagne e l’immensità del mare blu.

Chiedi informazioni

Dotazioni


posto auto no
posti letto base
posti letto max
accesso disabili no
bbq
vasca idromassaggio
piscina
doccia esterna
aria condizionata
zanzariere no
lavatrice
lavastoviglie
asciugatrice
microonde no
asciugacapelli no
tv
internet
animali
recinzione animali
fumare in casa no
biancheria cucina no
biancheria letto no
biancheria bagno no

Distanze


spiaggia attrezzata
spiaggia libera
porto turistico
alimentari
bar
ristorante
farmacia
edicola
chiesa
guardia medica
stazione ferrovie locali
stazione FS
fermata autolinee
aeroporto
S.Maria Di Leuca
Otranto
Gallipoli
Lecce
Informazioni

DalAlPrezzo
13 luglio 20 luglio Non Disponibile
20 luglio 27 luglio Non Disponibile
27 luglio 03 agosto Non Disponibile
03 agosto 10 agosto Non Disponibile
10 agosto 17 agosto Non Disponibile
17 agosto 24 agosto Non Disponibile
24 agosto 31 agosto Non Disponibile
31 agosto 07 settembre Non Disponibile
07 settembre 14 settembre Non Disponibile
14 settembre 21 settembre Non Disponibile
21 settembre 28 settembre Non Disponibile
28 settembre 26 ottobre Non Disponibile


Prenotazioni ed Informazioni






Fornendoci maggiori dettagli possibile sulle vostre necessità ci aiuterete a soddisfare al meglio i vostri desideri.
Sarete ricontattati al più presto.

















Gagliano del Capo è un comune dell’entroterra salentino che termina a pizzo lungo la costa adriatica, precisamente al Ciolo, rinomato luogo marittimo raggiungibile a piedi dal paese. Il territorio comprende anche i paesi di San Dana e Arigliano e dista poco più di 7 km da S. M. di Leuca.
Gagliano deriva dal nome di un centurione romano, Gallius, che dominò la zona in epoca delle conquiste romane. La sua nascita risale all’età del bronzo; dopodichè il territorio subì l’influenza di molti popoli e dominazioni tra cui i messapi, i greci, i già citati romani che ne fondarono il centro abitato, i bizantini, i normanni, per arrivare poi al susseguirsi di numerose dinastie feudatarie fino al 1806.
Gli anni tra il 1400 e il 1500 rappresentarono inoltre un periodo abbastanza fiorente per il territorio gaglianese in virtù delle numerose opere e costruzioni architettoniche realizzate, anche se in seguito rimaneggiate. La Chiesa Matrice, la Chiesa Dell’Immacolata, la Chiesa di San Francesco di Paola, la Cripta di Santa Apollonia, scavata nella roccia e altre cappelle sono solo alcune delle opere religiose situate nel cuore di Gagliano. In particolare, la Chiesa Matrice, rimaneggiata alla fine dell’ 800, ospita la statua in legno di San Rocco, patrono del paese, di raffinata e accurata lavorazione. Imponenti sono altresì i diversi palazzi signorili sparsi nel borgo: il Palazzo Ciardo, oggi tuttora agibile alla comunità, il Palazzo Bleve, il Palazzo Comi, il Palazzo Daniele, il Palazzo Buccarello, il palazzo Bitonti che richiamano le famiglie più nobili e alcuni professionisti del paese.

Gagliano è, insieme ad Alessano, tra i paesi del basso Salento ricordato per l’arte del ricamo. Fino a 20-30 anni fa infatti, erano presenti in paese numerose botteghe artigianali dove era possibile ammirare graziosi lavori di Pizzo Cantù, Frivolitè, Tombolo che arricchivano non solo gli abiti degli uomini e delle donne ma anche l’intero corredo della casa.

Valore aggiunto al paese è la località del Ciolo, facente parte dal 2006 del Parco Costa Otranto – Santa Maria di Leuca e Bosco di Tricase, voluto dalla regione Puglia per salvaguardare la litoranea orientale del Salento. Non a caso, il Ciolo o meglio noto come Ponte Ciolo, in virtù del ponte che si alza sul mare, rappresenta un affascinante ritaglio di insenatura. Il nome deriva dal dialetto salentino “giole”, che significa gazza, animale che un tempo ne popolava il luogo, probabilmente per la sua forma che garantiva una zona di riparo. Si tratta di uno dei posti più particolari del basso Salento, in quanto non solo è luogo da visitare per l’orizzonte colorato che offre, con il suo mare verde-azzurro e le piante vergini che si fanno spazio nella pietra, ma anche perchè è una zona balneare inaspettata. Una piccola scalinata infatti collega il ponte alla spiaggia ciottolosa dalla quale è possibile fare il bagno immergendosi nelle acque basse o allungandosi direttamente dalle rocce in mare aperto e profondo ma comunque riparato dai venti.

La costa su cui sorge il Ciolo presenta inoltre bellissime grotte (la Grotta Grande del Ciolo e la Grotta Piccola del Ciolo) che è possibile visitare, anche a nuoto, godendo delle sue fresche acque verde-smeraldo.




#768