CASE VACANZA VENDITE STIAMO CERCANDO

Cutrofianoborgo entroterra

cod #801

LA DIMORA

pentalocale - mq 150 - primo piano
terrazzo
€ 130.000
Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile
<
>
Mi trovo in uno splendido Comune situato nel cuore del Salento e conosciuto per i suoi paesaggi e per le sue produzioni artigianali. Se non è ancora chiaro parlo di Cutrofiano, Comune che racchiude in sé l’anima del territorio e della sua storia. Qui vi si possono trovare bellezze di ogni tipo, da quelle che regala la natura a quelle prodotte dagli uomini. Il mio paese è infatti considerato un immenso tesoro naturalistico e paleontologico per via della presenza del Parco dei Fossili, un'area adibita allo studio, alla conservazione ed alla conoscenza delle conchiglie fossili, famosissimo nell'ambiente scientifico italiano ed estero per l'abbondanza e per lo stato di conservazione dei reperti. A rendere speciale il mio Comune contribuisce anche l’antica pratica della lavorazione dell’argilla: il nome Cutrofiano infatti deriva da “cutrubbi”, i vasi realizzati in questi materiale, e ancora oggi il paese è noto per la produzione artigianale di ceramiche e terracotte. Il borgo rappresenta il centro di produzione ceramica più importante del Salento e questa cultura materiale è custodita e raccontata dal Museo della Ceramica, che racchiude tesori che vanno dalla preistoria all’età contemporanea. Ma non sono solo queste arti ad abbellire il territorio, importanti sono infatti le sue architetture. Tra quelle religiose troviamo diverse Chiese che si trovano a pochi metri da me, tra cui la chiesa matrice dedicata a Nostra Signora della Neve che risale al XVII secolo e che custodisce un Crocefisso ligneo del XVII secolo; la chiesa dell'Immacolata, terminata nel 1772 e la cripta di San Giovanni Battista (sita in località San Giovanni, a circa 1 km dal centro urbano) in cui è ospitata oltre alla cripta, una chiesetta rupestre, una piccola necropoli medievale, un frantoio sotterraneo e una grande cisterna. Nel centro storico di Cutrofiano che incanta con le sue bellezze architettoniche e culturali troviamo anche il Palazzo Filomarini (conosciuto anche come Palazzo della Principessa) che è un’imponente e suggestiva opera settecentesca. Le occasioni per rimanere incantati da questo luogo sono innumerevoli e sono dovute alle numerose ricchezze che Cutrofiano custodisce. Tra queste bellezze, nel cuore del paese in via Capo mi trovo io che sono una casa nel borgo che si estende per 150 mq circa. La mia strada è molto antica e ricca di storia, il suo nome “Capo” è infatti dovuto al fatto che proprio questa via collegava il mio Comune a Santa Maria di Leuca. Immerso in questo contesto mi trovo al primo piano di un caratteristico palazzotto bifamiliare e mi compongo di sei vani, di cui quattro dotati di volte tradizionali. I miei spazi interni si suddividono in: quattro graziose camere matrimoniali di cui due con bagno privato, un bagno, una cucina e un disimpegno. Tre delle mie camere hanno inoltre accesso ad un balconcino che insieme alla mia area solare di pertinenza mi offre una splendida visuale sull’antico borgo in cui mi trovo e sul territorio circostante. Infine dispongo anche di una caratteristica cantina in tufi con volta a botte.
La mia posizione mi permette di poter godere delle bellezze storiche e della vitalità del mio Comune. Sono la casa “La Dimora” e passo le mie giornate in un contesto che ancora oggi mi meraviglia e non smette mai di regalarmi immagini suggestive e invitanti.

Chiedi informazioni

Dotazioni


posto auto no
posti letto base
posti letto max
accesso disabili no
bbq
vasca idromassaggio
piscina
doccia esterna
aria condizionata
zanzariere no
lavatrice
lavastoviglie
asciugatrice
microonde no
asciugacapelli no
tv
internet
animali
recinzione animali
fumare in casa no
biancheria cucina no
biancheria letto no
biancheria bagno no

Distanze


spiaggia attrezzata
spiaggia libera
porto turistico
alimentari
bar
ristorante
farmacia
edicola
chiesa
guardia medica
stazione ferrovie locali
stazione FS
fermata autolinee
aeroporto
S.Maria Di Leuca
Otranto
Gallipoli
Lecce
Informazioni

DalAlPrezzo
13 luglio 20 luglio Non Disponibile
20 luglio 27 luglio Non Disponibile
27 luglio 03 agosto Non Disponibile
03 agosto 10 agosto Non Disponibile
10 agosto 17 agosto Non Disponibile
17 agosto 24 agosto Non Disponibile
24 agosto 31 agosto Non Disponibile
31 agosto 07 settembre Non Disponibile
07 settembre 14 settembre Non Disponibile
14 settembre 21 settembre Non Disponibile
21 settembre 28 settembre Non Disponibile
28 settembre 26 ottobre Non Disponibile


Prenotazioni ed Informazioni






Fornendoci maggiori dettagli possibile sulle vostre necessità ci aiuterete a soddisfare al meglio i vostri desideri.
Sarete ricontattati al più presto.

















Cutrofiano è un comune italiano di 9.000 abitanti circa della provincia di Lecce in Puglia. Il Comune è situato nel Salento centro-meridionale e dal 2007 fa parte dell'Unione dei comuni della Grecia Salentina, sebbene nel paese non si parli più la lingua grika probabilmente già da un secolo e mezzo. L’anima del Comune e la sua identità sono custoditi nell’antica pratica della lavorazione dell’argilla: il suo nome infatti deriva da “cutrubbi”, i vasi realizzati in questi materiale, e ancora oggi il paese è noto per la produzione artigianale di ceramiche e terracotte. Il borgo rappresenta il centro di produzione ceramica più importante del Salento e questa cultura materiale è custodita e raccontata dal Museo della Ceramica, che racchiude tesori che vanno dalla preistoria all’età contemporanea. Il Museo venne istituito nel 1985 dapprima come semplice esposizione di terrecotte più antiche prodotte localmente. Nel tempo, la collezione si è sempre più arricchita grazie a donazioni e all’acquisito di un’ulteriore collezione di maioliche. È proprio nelle argille e nella palude che che si giustifica l'antropizzazione del luogo fin dai tempi remoti: l'industria ceramica è documentata non solo dai numerosi prodotti raccolti nel Museo civico, ma anche dalla scoperta di una fornace di epoca romana recentemente emersa in località “Scacciato”.
Il territorio nel corso della storia ospitò sul suo suolo diversi popoli e culture, nel 1480 però la distruzione di Otranto nel 1480 fu anticipata dalla distruzione di Cutrofiano e di tutti i casali circostanti. Nel Seicento invece, caduta la paura dei Turchi, e abbattute le misere mura di difesa, il paese iniziò ad espandersi. Cutrofiano del 1319 fece parte della Contea di Soleto dal 1319, nel 1484 invece il casale fu ceduto dalla corona aragonese. Dalla metà degli anni Cinquanta del Novecento e sino all'inizio degli anni Settanta, Cutrofiano conobbe una stagione di sviluppo ed ammodernamento, con l'avvio di numerose opere pubbliche e di interesse generale.
Il Comune è di fatti ricco di bellezze non solo naturali ma anche di splendide architetture come la chiesa matrice dedicata a Nostra Signora della Neve che risale al XVII secolo e che custodisce la tela raffigurante la Vergine con il Bambino tra i San Gennaro e San Francesco d'Assisi, opera di Francesco Solimena, e il Crocefisso ligneo del XVII secolo; la chiesa dell'Immacolata, terminata nel 1772; la cripta di San Giovanni Battista (sita in località San Giovanni, a circa 1 km dal centro urbano) in cui è ospitata oltre alla cripta, una chiesetta rupestre, una piccola necropoli medievale, un frantoio sotterraneo e una grande cisterna.
Tra le numerose bellezze troviamo anche il Palazzo Filomarini che è un'opera seicentesca attribuita a Francesco Manuli. La struttura è il risultato dell'adattamento e della ristrutturazione del preesistente castello dai Filomarini, già duchi di Cutrofiano nella prima metà del Settecento.
Molto importante è anche il Parco dei Fossili. In questo giacimento a cielo aperto, esteso per circa 12 ettari, sono esposti vari strati geologici, di origine marina, alcuni dei quali straordinariamente ricchi di fossili. Il punto è famosissimo nell'ambiente scientifico italiano ed estero per l'abbondanza e per lo stato di conservazione dei reperti. Il Parco dei Fossili, un'area adibita allo studio, alla conservazione ed alla conoscenza delle conchiglie fossili: un immenso tesoro naturalistico e paleontologico.
Cutrofiano è inoltre un Comune di spicco del Salento grazie anche alle sue antiche tradizioni, ai caratteristici paesaggi, alle sue campagne e alle produzioni di ceramica, vino e olio.




#801