CASE VACANZA VENDITE STIAMO CERCANDO

Casaranoborgo entroterra

cod #170

PIANOFORTE

pentalocale - mq 180 - primo piano
terrazzo
CLASSE ENERGETICA:G
NON DISPONIBILE
Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile
<
>
Nel centro della cittadina, al primo piano si trova questo splendido immobile.
Posizione particolarmente vantaggiosa e comoda, perchè la casa è situata in centro ed è servita di garage.

Indipendente, con volte antiche e al primo piano la struttura si presenta totalmente restaurata ed è composta da ampio salone, cucina, disimpegno, bagno e terrazzo a livello. Questo è allestito con gazebo, barbecue in pietra e piante ornamentali. La zona giorno è completata da un ammezzato allestito a studiolo, ricavato con un soppalco.
La zona notte si compone al piano primo di due camere da letto con bagno e al secondo piano di un'altra camera semindipendente con altro bagno. Da questa si accede al lastrico solare (in proprietà esclusiva) che funge da terrazza.

Gli allacci alle utenze principali come Enel, Aquedotto Pugliese e metano sono stati eseguiti e sono regolarmente funzionanti.

Sono inclusi nel prezzo alcuni arredi dell'immobile.
Chiedi informazioni

Dotazioni


posto auto no
posti letto base
posti letto max
accesso disabili no
bbq
vasca idromassaggio
piscina
doccia esterna
aria condizionata
zanzariere no
lavatrice
lavastoviglie
asciugatrice
microonde no
asciugacapelli no
tv
internet
animali
recinzione animali
fumare in casa no
biancheria cucina no
biancheria letto no
biancheria bagno no

Distanze


spiaggia attrezzata
spiaggia libera
porto turistico
alimentari
bar
ristorante
farmacia
edicola
chiesa
guardia medica
stazione ferrovie locali
stazione FS
fermata autolinee
aeroporto
S.Maria Di Leuca
Otranto
Gallipoli
Lecce
Informazioni

DalAlPrezzo
23 novembre 07 dicembre Non Disponibile
07 dicembre 14 dicembre Non Disponibile
14 dicembre 21 dicembre Non Disponibile
21 dicembre 28 dicembre Non Disponibile
28 dicembre 06 gennaio Non Disponibile
06 gennaio 22 febbraio Non Disponibile
22 febbraio 29 febbraio Non Disponibile
29 febbraio 11 aprile Non Disponibile
11 aprile 18 aprile Non Disponibile
18 aprile 26 aprile Non Disponibile
26 aprile 02 maggio Non Disponibile
02 maggio 30 maggio Non Disponibile
30 maggio 06 giugno Non Disponibile
06 giugno 13 giugno Non Disponibile
13 giugno 20 giugno Non Disponibile
20 giugno 27 giugno Non Disponibile
27 giugno 04 luglio Non Disponibile
04 luglio 11 luglio Non Disponibile
11 luglio 18 luglio Non Disponibile
18 luglio 25 luglio Non Disponibile
25 luglio 01 agosto Non Disponibile
01 agosto 08 agosto Non Disponibile
08 agosto 15 agosto Non Disponibile
15 agosto 22 agosto Non Disponibile
22 agosto 29 agosto Non Disponibile
29 agosto 05 settembre Non Disponibile
05 settembre 12 settembre Non Disponibile
12 settembre 19 settembre Non Disponibile
19 settembre 26 settembre Non Disponibile
26 settembre 03 ottobre Non Disponibile
03 ottobre 31 ottobre Non Disponibile
31 ottobre 07 novembre Non Disponibile
07 novembre 05 dicembre Non Disponibile
05 dicembre 12 dicembre Non Disponibile
12 dicembre 19 dicembre Non Disponibile
19 dicembre 26 dicembre Non Disponibile
26 dicembre 02 gennaio Non Disponibile
02 gennaio 09 gennaio Non Disponibile


Prenotazioni ed Informazioni






Fornendoci maggiori dettagli possibile sulle vostre necessità ci aiuterete a soddisfare al meglio i vostri desideri.
Sarete ricontattati al più presto.

















Casarano è uno dei paesi più estesi e popolosi della provincia di Lecce, si trova a pochi km da Gallipoli ed è facilmente raggiungibile dalla s.s. 274 Gallipoli-Santa Maria di Leuca.

La sua lunga storia parte nel periodo romano del I secolo a.c. dimostrato dal rinvenimento di due epigrafi scoperte durante i lavori di restauro della Chiesa di Santa Maria della Croce in Casaranello e dal tracciato della Via Traiana che da Brindisi giungeva sino a Vereto e che lambisce il territorio della città.
Il nome pare derivi infatti da Caesaranum che indica un vasto territorio appartenente a un centurione romano, un tale Cesare, che ebbe in premio il terreno quale ricompensa per un successo ottenuto in battaglia.
Dopo si insediarono i bizantini, i saraceni che causarono il declino dell'originario nucleo abitativo (Casaranello) determinando la nascita dell'attuale Casarano (Caesaranum magnum). Si susseguirono inoltre le invasioni dei Goti, dei Visigoti e di altre popolazioni barbare.
Successivamente passò dai normanni agli svevi passando nelle mani di diverse casate nobiliari, fino ad arrivare alla fine del XV secolo quandoo si insediarono i veneziani avendo espugnato la città di Gallipoli. Dopo il breve periodo dei veneziani, il feudo passò nelle mani dei Filomarino, dei Conca e dei D'Aquino. Nel 1639 era feudatario Matteo D'Aquino che restaurò e ingrandì la chiesa della Madonna della Campana. Il XVIII secolo fu un periodo di rinascita sociale con la creazione di enti assistenziali e la costruzione di varie chiese. Nel 1717, con il duca Giacinto D'Aquino, venne eretto l'austero castello, oggi di proprietà dei De Lorenzi. Nel Novecento si assiste al passaggio dall'economia prevalentemente agricola a quella artigianale ed industriale.

Architetture civili
- Palazzo D'Aquino: il palazzo baronale dei D'Aquino, feudatari della città dal 1637 alla fine del Settecento, risale al XVII secolo. L'edificio, che costituisce la residenza storicamente più importante di Casarano, fu realizzato sulle vestigia di un antico castello.
- Palazzo De Iudicibus, Palazzo D'Elia, Ex Palazzo dei Domenicani - Palazzo Municipale.

Architetture religiose:
- Chiesa Santa Maria della Croce: La chiesetta paleocristiana di Santa Maria della Croce è fra i più antichi luoghi di culto cristiano al mondo, con mosaici del V secolo nella zona presbiterale e affreschi d'epoca bizantina.Tra i numerosi affreschi (secc. XI-XIV) si menzionano quelli raffiguranti la Vergine con Bambino, Santa Barbara, figure olosome di santi greci, la Deesis con il Cristo Pantocratore e scene della Passione e morte di Cristo. Nella volta a botte della navata centrale sono presenti affreschi gotici del XIII secolo raffiguranti scene della vita di Santa Caterina d'Alessandria e di Santa Margherita d'Antiochia.
- Cripta del Crocifisso: La zona circostante la cripta, nelle cui vicinanze sono ancora presenti i ruderi dell'antico convento, rappresenta un importante sito preistorico, storico e naturalistico. Graffiti di epoca paleolitica e fossili risalenti a comunità del periodo Neolitico convivono con le affrescate pareti della grotta. Degli affreschi bizantini si ricordano quello del Cristo crocifisso con San Giovanni Apostolo e Maria Addolorata e quello raffigurante Santa Costantina.
- Chiesa Madonna della Campana: si erge su una collina di circa 160 metri d'altezza, dalla quale è possibile scorgere il panorama della città e delle campagne circostanti. La storia di questa chiesa si perde fra vaghe informazioni e leggende che la vogliono fondata dai Greci o dai Normanni. I primi dati certi risalgono alle due bolle papali, la prima concedeva l'elevazione della chiesa intorno al 1308 e la seconda, dell'anno 1500 ne dava la conferma. Nei primi decenni del XVII secolo, l'allora feudatario D'Aquino ed il popolo di Casarano, decisero di abbattere la prima piccola chiesa e ne costruirono una più grande che è quella attuale ultimata nel 1639: lunga 18 metri, larga 8 e alta 13.
- Chiesa Madre, Chiesa di San Domenico, Chiesa dell'Immacolata, Chiesa e Convento di Santa Maria degli Angeli.
- Chiesa di Sant'Elia: Piccola chiesa costruita intorno all'anno 1000. Presenta deboli tracce di affreschi.
- Chiesa dei Santi Pietro e Paolo - XVIII secolo
- Chiesa della Pietà - XVIII secolo
- Chiesa di San Giuseppe - XIX secolo
- Chiesa di San Giovanni - piccola cappella dove fu portato il Santo Patrono dopo il Miracolo.

Monumenti: Torre dell'Orologio e Sedile, Colonna di San Giovanni Elemosiniere.

WIKIPEDIA




#170