CASE VACANZA AFFITTI VENDITE STIAMO CERCANDO

Castrignano del Capocosta roccia bassa

cod #64

VILLAGGIO RUPESTRE

trilocale - mq 150 mq - piano terra
giardino,cortile
CLASSE ENERGETICA:d
50.000
Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile Immagine Immobile
<
>
POSIZIONE
Il villaggio rupestre si trova a Castrignano del Capo, a pochi metri dal Comune del paese e da tutti i servizi. Il villaggio rappresenta una storica presenza di costruzioni in pietra avvenute in età preistorica e tuttora visibili affascinanti nel territorio salentino. Castrignano è il paese più a sud della Puglia e comprende le frazioni di Giuliano di Lecce, Salignano e S.M. di Leuca, importante località turistica, da cui dista poco più di 4 Km.

DESCRIZIONE
Il terreno, di circa 300 mq, comprende un vero e proprio villaggio composto da liame in pietra, che coprono in totale circa 150 mq di terreno. Una liama presenta tuttora intatta la copertura a botte e una nicchia in pietra.

PRO/CONTRO
Il villaggio è situato in una zona di Castrignano alquanto tranquilla ma allo stesso tempo è circondato da altre abitazioni di nuova costruzione.
Chiedi informazioni

Dotazioni


posto auto no
posti letto base
posti letto max
accesso disabili no
bbq
vasca idromassaggio
piscina
doccia esterna
aria condizionata
zanzariere no
lavatrice
lavastoviglie
asciugatrice
microonde no
asciugacapelli no
tv
internet
animali
recinzione animali
fumare in casa no
biancheria cucina no
biancheria letto no
biancheria bagno no

Distanze


spiaggia attrezzata
spiaggia libera
porto turistico
alimentari
bar
ristorante
farmacia
edicola
chiesa
guardia medica
stazione ferrovie locali
stazione FS
fermata autolinee
aeroporto
S.Maria Di Leuca
Otranto
Gallipoli
Lecce
Informazioni

DalAlPrezzo
07 gennaio 10 febbraio Non Disponibile
10 febbraio 17 febbraio Non Disponibile
17 febbraio 31 marzo Non Disponibile
31 marzo 07 aprile Non Disponibile
07 aprile 21 aprile Non Disponibile
21 aprile 28 aprile Non Disponibile
28 aprile 05 maggio Non Disponibile
05 maggio 26 maggio Non Disponibile
26 maggio 02 giugno Non Disponibile
02 giugno 09 giugno Non Disponibile
09 giugno 16 giugno Non Disponibile
16 giugno 23 giugno Non Disponibile
23 giugno 30 giugno Non Disponibile
30 giugno 07 luglio Non Disponibile
07 luglio 14 luglio Non Disponibile
14 luglio 21 luglio Non Disponibile
21 luglio 28 luglio Non Disponibile
28 luglio 04 agosto Non Disponibile
04 agosto 11 agosto Non Disponibile
11 agosto 18 agosto Non Disponibile
18 agosto 25 agosto Non Disponibile
25 agosto 01 settembre Non Disponibile
01 settembre 08 settembre Non Disponibile
08 settembre 15 settembre Non Disponibile
15 settembre 22 settembre Non Disponibile
22 settembre 29 settembre Non Disponibile
29 settembre 27 ottobre Non Disponibile
27 ottobre 03 novembre Non Disponibile
03 novembre 08 dicembre Non Disponibile
08 dicembre 15 dicembre Non Disponibile
15 dicembre 22 dicembre Non Disponibile
22 dicembre 29 dicembre Non Disponibile
29 dicembre 06 gennaio Non Disponibile


Prenotazioni ed Informazioni






Fornendoci maggiori dettagli possibile sulle vostre necessità ci aiuterete a soddisfare al meglio i vostri desideri.
Sarete ricontattati al più presto.

















CASTRIGNANO DEL CAPO

STORIE E TRADIZIONI RACCHIUSE IN UN PROVERBIO

“Ogni petra osa parite e se è rrossa cunta pe ddoi”
(Ogni pietra serve ad alzare un muro e se è grossa vale per due)

Il proverbio è utilizzato per dire che quando si vuole realizzare qualcosa di importante, ogni piccola azione costituisce un elemento essenziale per la realizzazione finale del progetto.

CURIOSITA' E MITI
Alla popolazione locale, viene abitualmente attribuito l'epiteto di “cuzziddi”.
Una leggenda narra che durante una processione in onore di San Giuseppe il trasporto della statua toccò per sorteggio ai castrignanesi e ciò andò a discapito del vicino feudo di Salignano. I castrignanesi orgogliosamente e con devozione, si caricarono sulle spalle la statua del Santo per portarla nella vicina Chiesetta di San Giuseppe, ma nel bel mezzo della processione, il cielo si aprì improvvisamente e cominciò a piovere; un gran numero di lumache sbucarono nelle campagne e i castrignanesi, ghiotti dei piccoli cetacei, abbandonarono “il Santo” e senza pensarci due volte corsero nei campi a raccoglierle. I salignanesi sfruttando l'occasione propizia, s' impossessarono del simulacro e sbeffeggiarono gli abitanti del feudo vicino attribuendo loro l'epiteto di “cuzziddi”.


UN TUFFO NELLA STORIA
Castrignano del Capo è una ridente cittadina intrisa dal fascino storico di un passato antico .
Le origini non sono ad oggi ben chiare ma sulla base di testimonianze archeologiche e ritrovamenti fossili è stato possibile ricostruire la storia antica di questo affascinante Borgo.
Originariamente conosciuto come “Castrum” dal latino “fortezza”, costituiva uno dei principali punti di vedetta e di controllo.
Nel IX secolo la vicina Vereto venne rasa al suolo dai Saraceni e le popolazioni scapparono in cerca di rifugio nelle fortezze vicine tra cui, appunto, “Castrum” nome originario del Borgo antico.

CARATTERISTICHE DEL POSTO
Situato nel lembo estremo della penisola salentina a circa 65,4 km dal capoluogo provinciale, Castrignano del Capo è il comune più a sud della Puglia.
Del territorio castrignanese fanno parte le frazioni di Giuliano di Lecce, Salignano,le incantevoli marine di Ciardo e Felloniche; dulcis in fundo Santa Maria di Leuca, punta di diamante del sud Salento e rinomata località turistica del Capo.
La vegetazione lussureggiante si mostra in tutta la sua bellezza caratteristica; la macchia mediterranea, gli uliveti e le pinete rappresentano una costante paesaggistica di indiscusso valore.
Castrignano confina ad ovest con il Comune di Patù; a nord con il Comune di Morciano di Leuca e Alessano; a est con il Comune di Gagliano del Capo; a sud-ovest con il mar Ionio e a sud-est con il mar Adriatico.

COME ARRIVARE
E' possibile raggiungere il Comune di Castrignano del Capo dall' aereoporto di Brindisi percorrendo: SS613 per Lecce; SS16 per Maglie; SS275 in direzione Santa Maria di Leuca. Oppure arrivati a Lecce, SS 101 per Gallipoli; SS 274 direzione Santa Maria di Leuca.

COSA VISITARE

Borgo terra (Castrignano del Capo):
Si tratta di un intero rione di origini antichissime caratterizzato da vicoli contorti e piccole viuzze. I fasti delle nobili casate del tempo gli fanno da cornice riflettendosi sull'architettura compositiva; la maestosa sobrietà di Palazzo Fersini, edificato nel 1460, abbraccia, impreziosisce e proteggere l'incantevole e suggestivo Borgo antico.
Pensato e costruito per resistere agli assalti dei pirati e dei Saraceni, “Borgo Terra” ha subito, nel tempo, notevoli interventi di ristrutturazione senza perdere le caratteristiche rurali tipiche del tardo medioevo salentino.

Chiesa di San Michele Arcangelo (Castrignano del Capo):
Situata nel nel cuore del centro abitato la Chiesa di San Michele Arcangelo si erge in tutta la sua maestosità.
Costruita sulle vestigia di un luogo di culto di età rinascimentale, l'attuale struttura iniziò a a prender forma nel 1743 e venne poi consacrata il 22 dicembre del 1751.
Il portone principale, riccamente lavorato ed arricchito da bassorilievi, permette l'accesso alla navata centrale unica. Lo spazio ampio è ben illuminato apparirebbe spoglio se non fosse per i sei altari laterali ornati da tele settecentesche di indiscussa bellezza.
La Chiesa Madre è poi arricchita da un prezioso organo a 25 canne intagliato nel 1751 dall'artigiano Sebastiano Kircher e da una statua lignea di San Michele realizzata ad opera dello scultore Napoletano Nicola Fumo. La statua, attualmente situata in una teca di vetro, è rinomata per non essere perfettamente in aderenza al piedistallo che le fa da base e per i suoi poteri prodigiosi che avrebbero allontanato un'epidemia di colera dal Capo di Leuca.

La Torre (Salignano)
Salignano è un piccolo borgo confinante con Castrignano del Capo ed è facilmente raggiungibile percorrendo un ampio viale alberato dove regna sovrana la pace. Nel cuore antico pulsa “la Torre”, presidio di difesa risalente al 1550. Il vivace colore del carparo, le cannoniere e le caditoie posizionate lungo il circuito perimetrale esterno, proiettano il visitatore nel tempo lontano del tardo Medioevo.

Chiesa di San Giuseppe (Salignano)
La Chiesa di San Giuseppe si erge su una spettacolare pineta dai colori vivaci e lussureggianti; immersa nel verde brillante di una natura incontaminata rappresentava il luogo di sosta e di ristoro dei pellegrini in cammino penitenziale verso il santuario di Santa Maria di Leuca.

Castello (Giuliano)
Giuliano è un piccolo borgo ricco di storia e bellezza; in un angolo di via Regina Elena torreggia il Menhir Mensi, uno dei megaliti con cappello più suggestivi del Salento.
Il circuito murario risalente al XVII secolo ed interrotto dalla monumentale porta di San Giuliano, permette l'accesso al piccolo borgo rurale e alla piazza centrale dove si erge un maestoso Castello. Il fortilizio conserva la fisionomia originaria tipica dell'architettura militare cinquecentesca, fondato, secondo la leggenda, dal centurione romano Julianus, l'insediamento rustico permette al visitatore di tuffarsi nel passato rivivendo un'epoca lontana dal tempo ma non dalla memoria.

Luana Prontera




#64